Crocevia di emozioni

Fucecchio sorge sulla riva destra del fiume Arno, a metà strada fra Firenze, Pisa e Lucca.
La sua storia è strettamente legata alla Via Francigena che, proprio nel territorio di Fucecchio, attraversa l'Arno per proseguire verso la Valdelsa, e alla presenza della famiglia Medici, che durante il Rinascimento vi stabilì qui il centro amministrativo delle fattorie granducali.
Ai Conti Cadolingi di Pistoia si deve la costruzione, nel X secolo, del Castello e della Chiesa di San Salvatore, che ancora dominano il borgo dal Poggio Salamartano, insieme con la Collegiata di San Giovanni Battista, ricostruita in forme neoclassiche nel Settecento.
Quanto resta del castello medievale fa parte oggi del Parco Corsini, dove si trova anche il Museo civico e diocesano il quale documenta la storia di Fucecchio attraverso numerosi reperti archeologici e una galleria di dipinti provenienti dalle chiese locali e che, grazie alla collezione ornitologica, ricorda la vicinanza del Padule di Fucecchio.

Proprio quest’area naturale, nota per essere la più estesa palude interna d’Italia, fu valorizzata e sfruttata a partire dal Rinascimento, quando Cosimo I de’ Medici fece costruire il Ponte a Cappiano che attraversava e, in caso bisogno, regolava il corso del canale Usciana ed era il vero e proprio centro amministrativo delle fattorie medicee in questo territorio.
Oggi il Padule è uno degli ultimi rifugi per numerose specie animali ed è visitabile a piedi, in bicicletta percorrendo i sentieri che lo attraversano oppure con i tradizionali barchini. Qui, come nei vicini Boschi delle Cerbaie, è possibile imbattersi in inedite vedute della campagna toscana.

Al nome di Fucecchio è associato quello del celebre giornalista Indro Montanelli (1909-2001) che, nonostante abbia vissuto e lavorato principalmente a Roma e Milano, rimase sempre legato alla sua città natale, tanto da volere che i suoi studi fossero trasferiti integralmente proprio qui, nella Fondazione Montanelli Bassi, oggi suggestivo luogo di visita e di studio dedicato a questo importante personaggio del Novecento.
Scopri Fucecchio, le sue bellezze naturalistiche e architettoniche, le sue tradizioni, la sua storia, i suoi principali eventi consultando le pagine di approfondimento disponibili a questa pagina.

Ambito turistico Empolese Valdelsa e Montalbano

Il Comune di Fucecchio fa parte dell’Ambito Turistico Empolese Valdelsa e Montalbano, uno dei 28 ATO nei quali è divisa la Regione Toscana.
Con Toscana nel cuore si vuole indicare la centralità di questo territorio rispetto alle principali città d'arte toscane e le peculiarità culturali e paesaggistiche che lo rendono una destinazione perfetta per una vacanza nel cuore della Toscana.
L'Ambito comprende i Comuni di Capraia e Limite, Castelfiorentino, Cerreto Guidi, Certaldo, Empoli, Fucecchio, Gambassi Terme, Montaione, Montelupo Fiorentino, Montespertoli, Vinci e fa capo all'Unione dei Comuni Circondario Empolese Valdelsa.

Compito dell’Ambito è promuovere il territorio dal punto di vista turistico, valorizzandone l’offerta e mettendo in contatto pubblico e privato, in collaborazione con l’agenzia regionale Toscana Promozione Turistica, attraverso il progetto #Tuscanytogether.

Promuove inoltre la comunicazione turistica, attraverso il portale ufficiale della Regione Toscana, www.visittuscany.com, il sito www.toscananelcuore.it e le principali piattaforme di social media.