Bandi PNRR, in arrivo 500 mila euro per il Parco Corsini

Il punto panoramico sulla Torre di Mezzo

Un altro progetto del Comune di Fucecchio verrà realizzato grazie al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Un intervento di riqualificazione del Parco Corsini sarà finanziato per 500 mila euro grazie ai fondi previsti dal bando per la valorizzazione dell'identità di parchi e giardini storici. Un successo notevolissimo se si considera che dalla graduatoria sono stati esclusi anche giardini storici molto famosi a livello nazionale e che a far compagnia al parco fucecchiese, che fu prima dei Medici e poi dei Marchesi Corsini, ci sono giardini prestigiosi come quelli di Villa D'Este a Roma, quello della Villa Medicea di Careggi, i giardini della Palazzina di Caccia di Stupinigi a Torino, il Parco Reale di Monza, i parchi delle residenze napoleoniche dell’Isola d’Elba, il castello di Belgioioso a Pavia, il parco del castello di Miramare a Trieste e molti altri.

Gli interventi previsti dal progetto fucecchiese mireranno ad un miglioramento della gestione, manutenzione, sicurezza e accoglienza del parco, rendendo il giardino e il complesso Corsini maggiormente attrattivi. In particolare, sono previsti la ridefinizione e riqualificazione dei percorsi pedonali, l’integrazione dell’illuminazione e la videosorveglianza, il ripristino del sistema di raccolta delle acque meteoriche e delle fontane, la sistemazione delle scarpate e dei muretti di contenimento, il restauro della ghiacciaia, l’inserimento di colonnine di ricarica per le e‐bike, l'installazione di impianti wi‐fi, l'inserimento di dehors, la riqualificazione dell’area del parcheggio, la segnaletica specifica dedicata sia agli aspetti storico artistici sia di quelli botanici e faunistici, la messa in sicurezza di alcune piante, la rimozione di alcune specie vegetali infestanti come l’Ailanthus altissima e la Robinia pseudoacacia e l'inserimento di nuovi arbusti con bacche, alberi e arbusti da frutto, rifugi e cassette nido, in modo da poter realizzare habitat idonei all’attrazione della fauna selvatica, in particolare micromammiferi notturni, avifauna e insetti pronubi.
Il Parco, inserito negli itinerari dei cammini storici come la Via Francigena, la Romea Strata e la Via Medicea, potrà anche accogliere anche una Start‐up per la gestione delle attività di animazione e percorsi di visita per persone con disabilità motoria, visiva e cognitiva.

“L'accoglimento del nostro progetto su Parco Corsini in un bando del PNRR – commenta il sindaco Alessio Spinelli – è soltanto l'ultimo successo in ordine di tempo di una serie di proposte che l'amministrazione comunale ha redatto e che sono state accolte e messe a finanziamento grazie ai bandi nazionali. Abbiamo già ottenuto 2 milioni di euro per realizzare alcune opere che riqualificheranno in maniera sostanziale il centro storico. Penso ad esempio al collegamento che nascerà tra i giardini delle ex carceri e Poggio Alberighi, la pavimentazione di strade e piazze lungo il percorso dell'antica Via Francigena, il recupero delle scarelle di via Sant'Antonio, oltre al cammino che verrà tracciato partendo da Piazza Padre Ceci e dalla Chiesa della Vergine e che, con una pavimentazione adeguata al contesto storico del centro, si snoderà da Porta Raimonda a Piazza Vittorio Veneto passando per Via Martini, Borgo Valori e Piazza Niccolini. Ma non ci sono soltanto bandi per lavori pubblici, il Comune di Fucecchio è a lavoro su tanti fronti, anche su quello dei servizi al cittadino. Siamo stati inseriti, ad esempio, tra i progetti finanziati per quanto riguarda l'informatizzazione con un finanziamento legato al sito internet del Comune e ai nuovi servizi digitali che sicuramente porteranno benefici pratici per i residenti”.

IL PARCO CORSINI

Con 4 ettari di estensione e più di 380 alberi, il Parco Corsini rappresenta un importante polmone verde all’interno del centro storico di Fucecchio, riuscendo a mitigare gli impatti prodotti dalle attività antropiche e regimando gli effetti del microclima cittadino. Per l’importanza storico-architettonica e culturale e per la posizione centrale, è luogo di incontro per i cittadini, ed elemento di primaria rilevanza anche per la funzione sociale e ricreativa. Il parco, grazie all'ultimo intervento di recupero realizzato dell'amministrazione comunale alla fine degli anni '90, ha assunto la connotazione di contenitore aperto e a libera fruizione. Comprende il Museo Civico e Diocesano, la Biblioteca comunale “Indro Montanelli” con la Ludoteca “L'Albero Fatato”, l'Archivio storico, l'Auditorium La Tinaia, il Music Live Pub La Limonaia, il Centro di Arti Performative “Il Frantoio”, il Centro per l’impiego, il punto panoramico sulla sommità della Torre di Mezzo, oltre a Eloisa, la scultura di Arturo Carmassi realizzata in marmo bianco di Carrara.