Che sia una calda giornata estiva, un grigio pomeriggio autunnale o una sera stellata, il Padule di Fucecchio sa sempre affascinare e sorprendere i visitatori. Grazie al personale e ai collaboratori del Centro RDP Padule di Fucecchio, all’interno della più grande palude interna italiana è possibile accedere al nuovo Centro Visite di Castelmartini: quest’ultimo ospita un'esposizione permanente sull'area umida e mostre temporanee di fotografia e disegno naturalistico, ed è accessibile nei giorni di sabato (con orario 14.30-17.30), domenica e festivi (con orario 9-12 e 14.30-17.30). All’interno della struttura, un operatore è a disposizione del pubblico per informazioni sull'area protetta.

Dal Centro Visite, poi, non è difficile raggiungere, a piedi o in bicicletta, l’area de Le Morette: qui si trova un osservatorio faunistico sempre accessibile al pubblico,  da cui appassionati di birdwatching  e fotografia naturalistica ma anche semplici curiosi potranno ammirare alcune delle numerose specie migratorie di uccelli (oltre 200 arrivano qui nel corso dell’anno) presenti in questo ambiente naturale. Il passaggio dei migratori, insieme con il ciclico alternarsi dei periodi di secca e di piena, scandisce ancor oggi il ritmo naturale delle stagioni: un aspetto del Padule che si apprezza soltanto con visite ripetute nel tempo.

Il Centro RDP Padule di Fucecchio offre molte opportunità per immergersi nelle atmosfere del luogo, conoscerne la storia e le peculiarità faunistiche: tra le principali escursioni naturalistiche e storico-ambientali si trovano le visite all’area de Le Morette, alla scoperta di flora e fauna locali con sosta birdwatching; e quelle all’area Righetti, una zona di grande interesse paesaggistico e ambientale. Non mancano le gite “notturne” pensate per osservare la palude e i suoi abitanti in un momento particolarmente suggestivo. Numerosi anche gli itinerari negli ambienti vicini all’area umida e i percorsi focalizzati sulla storia e le tradizioni locali. Tutte le visite si svolgono con una guida ambientale.

Fonte: Centro Ricerca Documentazione e Promozione Padule di Fucecchio