Turismo lungo le vie d’acqua, nel Padule di Fucecchio costeggiando il tracciato della Via Francigena

Un'immagine del tour

Il fascino dei percorsi turistici lungo le vie d’acqua sui tradizionali barchini del Padule di Fucecchio sono stati al centro di un press tour promosso dai Comuni di Altopascio, Ponte Buggianese e Fucecchio, quest’ultima amministrazione capofila del tracciato centro-sud della via Francigena in Toscana.

L’obiettivo era quello di far conoscere le bellezze paesaggistiche che si incontrano percorrendo i canali dal Lago di Sibolla fino al Ponte Mediceo di Cappiano. Si tratta di un percorso parallelo a quello della Via Francigena e in particolare alla tappa 7, quella che da Altopascio conduce fino a San Miniato. Un percorso che consente ai pellegrini di poter apprezzare le bellezze naturalistiche della zona grazie a percorsi pedonali, ciclabili e lungo le vie d’acqua.

Questo itinerario turistico è nato da una convenzione tra i Comuni di Altopascio, Fucecchio e Ponte Buggianese, poi ratificata dalla Regione Toscana. E’ un percorso che in gran parte si snoda lontano dalle strade ad alta intensità di traffico veicolare, fatto principalmente di camminamenti arginali, e che permette di osservare paesaggi unici come le sfagnete del Lago di Sibolla (le più a sud in Europa) e gli specchi d’acqua del Padule di Fucecchio, popolati nel periodo primaverile da oltre 200 specie di uccelli.

Per far conoscere questa offerta turistica e culturale che si aggiunge al tracciato toscano della Via Francigena consentendo anche l’utilizzo di alcune strutture di ospitalità che si trovano lungo il percorso, come quelle di Altopascio, Ponte a Cappiano e della Dogana del Capannone, ieri è stato invitato un folto gruppo di giornalisti. Ad accompagnarli, oltre ai volontari delle associazioni locali, c’erano i primi cittadini dei tre comuni (Sara D’Ambrosio, Alessio Spinelli e Nicola Tesi) e il presidente del Consiglio regionale toscano Eugenio Giani.