Riapertura di sale giochi, sale scommesse e sale bingo

Logo Regione

L'art. 1 lettera "l" del DPCM 11 giugno 2020 dispone che "le attività di sale giochi, sale scommesse e sale bingo sono consentite a condizione che le Regioni e le Province Autonome abbiano preventivamente accertato la compatibilità dello svolgimento delle suddette attività con l'andamento della situazione epidemiologica nei propri territori e che individuino i protocolli o le linee guida applicabili idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio nel settore di riferimento o in settori analoghi; detti protocolli o linee guida sono adottati dalle regioni o dalla Conferenza delle regioni e delle province autonome nel rispetto dei principi contenuti nei protocolli o nelle linee guida nazionali e comunque in coerenza con i criteri di cui all'allegato 10" del medesimo DPCM.

Con determinazione n. 180229/RU del 12 giugno 2020, il direttore dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha disposto l'autorizzazione alla riattivazione delle piattaforme per l'esercizio delle attività di gioco all'interno delle sale giochi, sale scommesse e sale bingo e degli esercizi che raccolgono giochi tipici di tali sale, con le condizioni di cui al DPCM 11 giugno 2020 e in coerenza con l'allegato 10 del medesimo DPCM.

Sono previste diffide e sospensioni per sanzionare, in sede di controllo, il mancato rispetto, da parte dei titolari delle attività di gioco, delle misure di contenimento o prevenzione previste dalle linee guida.

In Regione Toscana, per la riapertura degli esercizi di gioco, a decorrere dal 13 giugno 2020, si applicano  le specifiche linee guida di cui all'Allegato 1 - Sale slot, sale giochi, sale bingo e sale scommesse dell'ordinanza n. 65 del 10 giugno 2020 del presidente della giunta regionale.