Fucecchio, la scuola sempre più vicina all’ambiente

Foto di gruppo durante la conferenza stampa

L'anno scolastico che si è chiuso a giugno scorso ha visto bambine, bambini, ragazze e ragazzi protagonisti a Fucecchio di una bella manifestazione in favore della difesa della terra e del clima. Il nuovo anno si aprirà dunque all'insegna dell'attenzione, da parte dell'Amministrazione comunale e della società in house Fucecchio Servizi Srl, proprio per questi temi. In particolare saranno due le proposte educative volte a fare appassionare le giovani generazioni alla terra.

Attraverso il primo progetto, che si chiama Plastic Free, il Comune di Fucecchio doterà tutti gli studenti delle scuole primarie e secondarie di una borraccia in alluminio economica, riutilizzabile, personalizzata e facile da usare (oltre 2000 quelle ordinate). Lo scopo è quello di ridurre drasticamente l’utilizzo della plastica mono-uso nelle scuole e allo stesso tempo sensibilizzare i ragazzi sul tema dell’inquinamento e del rispetto del nostro pianeta, visto il pesantissimo impatto ambientale che le materie plastiche stanno avendo sull'ambiente. Tra gli sponsor del progetto c’è Elior, l’azienda che si occupa della ristorazione scolastica e che ogni giorno si occupa di preparare oltre 1.100 pasti per 18 plessi scolastici, tra cui 5 asili nido, 6 scuole dell’infanzia, 6 scuole primarie e 1 scuola secondaria di primo grado. Sempre attiva anche nella formazione dei piccoli studenti, Elior ha organizzato nel corso dell’anno scolastico numerose attività di educazione alimentare volte ad insegnare i corretti stili di vita in un’ottica salutistica e green. Un impegno che l’azienda porterà avanti anche in futuro con nuove iniziative legate a nutrizione e sostenibilità, come il programma “In un mare di plastica” per sensibilizzare i più piccoli sui temi ambientali e spiegare loro che la plastica in sé non inquina, basta saperla utilizzare consapevolmente e riciclare correttamente.

Il secondo progetto è quello degli Orti-Sinergici, che prevede la realizzazione di due orti all’interno dei plessi scolastici per promuovere da un lato una corretta educazione alimentare ed ambientale, e dall’altro favorire l’osservazione e la conoscenza delle natura. Il progetto sarà gestito dall’associazione Janub, vincitrice della manifestazione di interesse indetta dall’Amministrazione.

Altra grande novità del prossimo anno scolastico sarà quella del progetto Pedibus, che vedrebbe un primo avvio proprio ad ottobre 2019. Il progetto, completamente gratuito e volto ad educare i bambini ad una cultura che sia allo stesso tempo salutistica ed ambientale, si proporrà di accompagnare i ragazzi a e da scuola a piedi in modo organizzato, attraverso comitive guidate da adulti, sostituendosi dunque all’utilizzo delle auto proprie o degli scuolabus. In tal modo si favoriscono, allo stesso tempo, l’attività motoria e la socializzazione, il rispetto per l’ambiente e la conoscenza del codice della strada, dando un’alternativa sicura ed ecologica all’accompagnamento tramite mezzi pubblici o privati. Come per gli Orti-Sinergici, l’attuazione del progetto Pedibus sarà gestita dall’associazione vincitrice della manifestazione di interesse, in questo caso l’Auser, i cui volontari accompagneranno le comitive dei bambini.

Per chi invece continuerà ad utilizzare il pulmino comunale la novità sarà il badge: dall’anno scolastico 2019/2020, infatti, per l’accesso allo scuolabus sarà necessario dotarsi della relativa tessera che verrà immediatamente rilasciata al momento del pagamento del servizio. Le tessere avranno un colore diverso a seconda della validità acquistata (rosa validità annuale dal 16/09/2019 al 10/06/2020, azzurro prima rata dal 16/09/2019 al 31/12/2019, giallo seconda rata dall’1/01/2020 al 10/06/2020) e insieme alla tessera sarà consegnato, gratuitamente, un portabadge.

Inoltre, a tutte le famiglie degli studenti delle scuole primarie, verrà inviata direttamente a casa la Carta dei Servizi.