Come aprire un centro estivo per bambini oltre 3 anni e adolescenti

Logo Regione Toscana

A seguito dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, le modalità di realizzazione delle attività ludico-ricreative ("centri estivi")  per i bambini di età superiore a 3 anni e gli adolescenti sono svolte, a partire dal 15 giugno 2020, sulla base delle Linee guida di cui all'Allegato 8 del DPCM 17 maggio 2020, punto 3.9, recepite con ordinanza del Presidente della Giunta Regionale  Toscana n. 57 del 17 maggio 2020.

I soggetti proponenti attività ludico-ricreative ("centri estivi") devono sottoporre il progetto organizzativo del servizio offerto al Comune territorialmente competente, attraverso piattaforma SUAP, tramite inserimento del modulo di comunicazione di inizio attività di cui all’allegato 1 all'ordinanza del Presidente della Giunta Regionale  Toscana n. 61 del 30 maggio 2020

Il soggetto gestore delle attività ludico-ricreative è tenuto a sottoscrivere, insieme a ciascuna famiglia dei bambini iscritti, il patto di corresponsabilità finalizzato al rispetto delle regole di gestione e delle misure di contenimento della diffusione del contagio epidemiologico da COVID -19, secondo lo schema tipo di cui all’allegato 2 all'ordinanza del Presidente della Giunta Regionale Toscana n. 61 del 30 maggio 2020

Termini, scadenze, modalità di presentazione della domanda

Con l'ordinanza regionale n. 61/2020, l’autorizzazione per attivare un centro estivo è stata sostituita da una più semplice Segnalazione di Inizio Attività, con la quale l’organizzatore deve autocertificare il possesso dei requisiti e il rispetto delle norme anti-contagio. I controlli dell’Amministrazione Comunale saranno quindi successivi.

La pratica deve essere inviata al SUAP in modalità on line, non tramite PEC ma esclusivamente attraverso il Sistema Telematico di Accettazione Regionale (STAR).